Allegoria dell’Estate | La Venaria Reale

Allegoria dell’Estate

 

Lo slancio che la giovane fanciulla imprime al suo passo è la voglia di lasciarsi alle spalle il freddo e il clima incerto, correndo libera verso la bella stagione. E mai come quest’anno tutti noi aspettiamo l’Estate come liberazione.

Delle quattro statue allegoriche delle Stagioni scolpite da Simone Martinez e collocate nelle nicchie del Rondò alfieriano questa è la più dinamica. Lo scultore riesce a dare movimento e leggerezza al marmo. L'Estate incede veloce mentre volta il capo indietro e trattiene la sottile veste svolazzante. Un lembo del panneggio si alza e accompagna la torsione della figura.

Nell’elaborata e morbida acconciatura sono intrecciati nastri e spighe di grano. È l’iconografia più classica dell’Estate, identificata quasi sempre con Cerere-Demetra, antica divinità tutelare della fertilità e della terra, con tutti i suoi frutti e raccolti. Come granoturco, mais e altri cereali, coltivati nel Parco della Mandria. Ma spighe selvatiche le possiamo ritrovare anche passeggiando nei Giardini della Reggia di Venaria.

 

Simone Martinez. La statua dell'Estate

Simone Martinez (Messina 1689-Torino 1768), L’Estate, 1741-1752, marmo bigio di Frabosa, altezza 235 cm. Reggia di Venaria, Rondò della Galleria piccola.


Scopri le piante e i fiori presenti nella statua.

Condividi

Invia ad un amico
  • Facebook
  • Twitter