Festa di Sant'Uberto | Eventi | La Venaria Reale

Festa di Sant'Uberto

3 novembre 2019

Alla Festa di Sant’Uberto sono legate tradizioni e antichi rituali propri della Venaria.

La nascita della Reggia di Venaria e della città, oltreché il loro toponimo, si devono alla pratica venatoria che si svolgeva da parte della corte sabauda nel territorio, un tempo denominato di Altessano Superiore, fin dal XVII secolo e che comportava frequenti cerimonie e rituali legati a Sant’Uberto.

I festeggiamenti della Venaria Reale per Sant’Uberto ancora oggi culminano con la Messa dedicata al Santo che si celebra nell’omonima Cappella della Reggia, con suggestivi accompagnamenti musicali riferiti alla storia e alle tradizioni del luogo.

Il programma prevede per domenica 3 novembre 2019 (ricorrenza di Sant’Uberto):

  • ore 10.45: partenza da piazza dell’Annunziata degli Equipaggi (ensemble musicali che ripropongono in chiave attuale il suono del corno un tempo utilizzato per segnalare le varie fasi della caccia a cavallo con cani da seguita) 
  • ore 11.15: Cappella di Sant’Uberto: Messa di Sant’Uberto accompagnata dai corni da caccia (Equipaggio della Regia Venaria e Les Trompes de Bonne – Francia), trombe e timpani della Reale Scuderia, organo. È prevista la presenza di cani in chiesa. Segue la benedizione
  • ore 12: concerto
  • ore 12.45: momento musicale presso il Cortile delle Carrozze: Fanfare in Eco


La Festa di Sant’Uberto è legata alla fondazione della città di Venaria Reale e della Reggia. Qui dal 1669 si trovavano le reliquie di Sant’Uberto Martire (ora alla Palazzina di Caccia di Stupinigi), dono di papa Clemente IX, Giulio Rospigliosi.

La festa era celebrata alla Reggia, come narrano Amedeo di Castellamonte nella sua opera La Venaria Reale, Palazzo di Piacere e di Caccia ed il Theatrum Sabaudiae. Sant’Uberto, primo vescovo di Liegi, era venerato quale protettore di uomini e animali dalla rabbia silvestre, e quindi anche come patrono dei cacciatori: alla sua figura sono riferite tradizioni e antichi rituali propri della Venaria.

Ideazione e organizzazione dell'Accademia di Sant'Uberto, in collaborazione con:
Fondazione Via Maestra, Città di Venaria Reale, Parrocchia della Natività di Maria Vergine, con STCC – Società Torinese per la Caccia a Cavallo, Pro Loco Altessano - Venaria Reale, e con FITF-Fédération Internationale des Trompes de France ed FRTM (Fondation pour le Rayonnement de la Trompe Musicale – Fondazione sotto l’egida della Fondation de France) nel quadro della candidatura multinazionale UNESCO dell’Arte Musicale dei Suonatori di Corno da Caccia (Francia, Italia, Belgio e Lussemburgo).
Maggior sostenitore: Compagnia di San Paolo, con il sostegno della Fondazione CRT.
Patrocinio della Città di Venaria Reale

Dove
Cappella di Sant'Uberto
Quando
Domenica, 03 Novembre 2019
Come

Ingresso libero alla Cappella di Sant'Uberto (fino ad esaurimento posti disponibili).

Condividi